UA-68604412-1
  • GFR
  • AMR

Il progetto che ha portato alla realizzazione - da parte degli studenti della Classe 5 D dell’ indirizzo Design - del modello della Casa Elettrica nasce dalla collaborazione tra il Liceo artistico “Depero” e l’Archivio del ‘900 ed è stato curato dalle docenti di storia dell’arte Silvana Giordani e Anna Leonardi con la collaborazione di Raffaele Macrì, insegnante di Progettazione.

Nell’ambito della disciplina di storia dell’arte la programmazione didattica prevede dei moduli di approfondimento, coerenti con l’indirizzo scelto, pensati con l’intento di sviluppare una conoscenza diretta del patrimonio artistico e culturale, anche del proprio territorio.

L’Archivio del ‘900 per la ricchezza dei suoi fondi archivistici relativi all'arte e all'architettura italiana del XX secolo si è rivelato il luogo ideale per questo tipo di esperienza che ha permesso agli studenti di conoscere la struttura dell’archivio, le sue funzioni, le modalità di conservazione dei documenti e i problemi di conservazione.
A partire dalla classe terza (2012), attraverso specifiche attività di laboratorio, sono stati indagati alcuni materiali del Fondo Depero e del Fondo Figini e Pollini. Del secondo sono state studiate le vicende riconducibili alle Triennali di Monza e Milano degli anni ’20 e ’30 e in particolare il progetto della Casa Elettrica (1930), esempio di villa moderna per le soluzioni spaziali e di arredo dei diversi ambienti, ideata dai giovani architetti Luigi Figini e Gino Pollini con la collaborazione dei colleghi Bottoni, Frette, Libera. A completamento dell’esperienza formativa è stato realizzato nel Laboratorio di Modellistica del Liceo artistico il plastico dell’edificio, che ha permesso agli studenti di utilizzare le conoscenze storico-documentarie in funzione operativa, attraverso modalità di lavoro condivise e collaborative, mettendo in gioco e valorizzando le singole attitudini e competenze.

Questo percorso didattico si è articolato in diverse fasi: ridisegno delle tavole di progetto, sperimentazione dei materiali, ricerca di soluzioni tecniche appropriate, render dei singoli ambienti e dell’edificio utilizzando le foto storiche. Tutti questi passaggi – temporalmente scanditi dal dicembre 2014 al maggio 2015 e documentati da immagini fotografiche - sono stati indispensabili per costruire il modello della Casa Elettrica in scala 1:20.

Il lavoro realizzato dagli studenti Filippo Ferro, Sharon Giammetta, Nicole Ianeselli, Giorgia Maule, Sebastiano Oliosi, Simone Pincelli, Alice Prati, Martino Simoncelli, Maddalena Soini, è stato coordinato da Stefano Pasquali, docente del Laboratorio di Modellistica.

Archivio e liceo si sono rivelati, dunque, luoghi per un tipo di apprendimento non convenzionale, in grado di mettere in relazione competenze diverse di lavoro, studio e ricerca, in un’ottica di proficua integrazione e conoscenza.

 
 

 

IMAGE
IMAGE

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito. Può conoscere i dettagli cliccando su "Informativa". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.